Benvenuti nel mio minimondo creativo...qui potrete vedere le foto di ciò che amo fare nel tempo libero, mi piace creare bijoux, ricamare, dipingere su ceramica/porcellana e altro..... qui troverete, come dico appunto nell'intestazione del mio blog, di tutto un ...po'

4 sfumature.....verde/azzurro! bracciali e altro....

giovedì 5 ottobre 2017

Eccomi, con un nuovo post:
avevo queste belle pietrine in questa bella tonalità di azzurro e così ho pensato di farne un braccialetto,
l'ho unito a palline argentate e ne è uscito, uno shamballa .....questi braccialetti annodati a macramè sono sempre simpatici e si dice portino fortuna, che ne dite? 





questo è stato realizzato con navette con cristalli, superduo e rocailles ...l'ho già fatto in colori leggermente diversi però poi l'ho regalato  ad un'amica, ora finalmente ho riacquistato il materiale ed ho potuto rifarlo...mi piace davvero tanto!
  semplice ma d'effetto

queste invece sono perle di Venezia, unite a perle di cristallo azzurre,
annodate anche loro a macramè

ora un braccialetto che regalerò presto,
 è lavorato a pejote dispari ed è stato abbastanza laborioso,
l'ho rifinito con chiusure in argento 925 e sinceramente
visto così, non rende come dal vero, ma vi assicuro che indossato non passa inosservato  







La Natura, 
nei miei post, la fa sempre da padrone,
quindi ora ci tengo a mostrarvi le mie castagne....
 non di montagna ma della bassa Valpadana, rigorosamente a 
a km zero ...anzi no, sono a metri zero (hi hi hi)!!!

ho notato stranamente che i ricci più piccoli ospitano castagne più grandi!







 forse sono un po' piccole,
 ma la soddisfazione è davvero grande e.....
poche ma buone!
la storia di questa piantina mi piace davvero tanto!
 già,
 era una piccola castagna con germoglio, ormai prossima ad essere rimossa insieme a tante foglie lungo un viale, poi sono arrivata io, l'ho raccolta ed ho cambiato la sua storia e.... oggi lei, mi ripaga con amore, donandomi i suoi frutti


quel che resta dell'estate!

canna di vetro

Begonie

 portulaca e begoniette

 surfinia, ormai un po' decadente
piccolo scorcio di fioriture miste, anche loro, un po' così....

chiudo, con alcuni dei lavoretti realizzati, prendendo spunto 
da Pinterest, per il compleanno della mia nipotina 
Emma! 
 che son stati apprezzati molto

carta, cartoncino, forbici, colla a caldo e, un bel po' di pazienza!
  un grazie sincero ai tanti/e creativi che mettono a disposizione le tante belle idee! 

sperando, abbiate gradito questo post,
 vi saluto cordialmente e vi auguro un buon fine settimana!
Laura

Borsa in rafia e vera pelle e di tutto un po'......

domenica 27 agosto 2017

Salve a tutti!
sono davvero entusiasta della mia nuova creazione, l'idea di queste roselline in pelle, inserite in questa mia nuova borsa, mi piace molto...devo dire, che ho ascoltato il suggerimento di mia figlia, poiché ero indecisa sull'inserimento di fiori (sempre in pelle) abbastanza piatti, oppure queste rose piuttosto in rilievo..... questa borsa fa parte di alcuni miei ultimi lavori e spero vi piaccia


 particolari: rose in pelle e doppio fondo



 interamente foderata



 lunga tracollina

con il doppio fondo in pelle la borsa risulta essere davvero ben sostenuta (ringrazio sempre il mio baule dei desideri dove trovo sempre tanti bei ritagli di pelle che mi consentono di fare tutto ciò) la doppia fodera poi  (quella interna appositamente più rigida) e quella esterna molto leggera, le consentono di non afflosciarsi su se stessa....penso che questo ultimo modo di lavorare le mie borse e borsine lo utilizzerò ancora, poiché la riuscita è davvero migliore.
Che ne dite, non è carina? 

per Emma:
a punto croce, la sacca per il primo anno di asilo.....il tempo è davvero volato! 




 ora se vi va....

ho rispolverato altri vecchi lavori creando dei collages, a me piace andarli a riguardare ogni tanto e spero che anche voi li possiate eventualmente rivedere con piacere

un po' di amigurumi.....maglia ed uncinetto
un po' di ricamo.... silk ribbon

 un po' di bijoux.....

un po' di cucito creativo.....

e..... di tutto un po'

sperando di non avervi annoiato vi saluto con il sorriso innocente di Emma!



auguro a tutti una buona settimana!
nonna Laura

Bijoux, fiori e cuori!

martedì 11 luglio 2017

Salve a tutti!
con il grande caldo, diminuisce la produttività.....
ecco comunque, alcune delle mie poche ultime fatiche.
Ho realizzato questo ciondolo con un rivoli swarovski centrale da 12, superduo e tantissimi altri tipi di perline, è un po' grande ed abbastanza appariscente, però con i bei décolleté  abbronzati ci sta d'incanto... ho preso spunto da un vecchio "fashion gems" ed ho cambiato solo qualche particolare

questo è un altro ciondolo sempre con sw centrale 

ninfea e papiro sembrano stare proprio bene insieme
   ecco la prima ninfea di quest'anno
mi sembrano felici anche se sono in un piccolo mastello...ne stanno già uscendo altre 2
...che ne dite?

non potevo finire il post senza mostrarvi i miei ultimi cuori,  profumati con spighe di lavanda, cuciti e ricamati a mano......regalini fatti recentemente e sempre molto graditi!

Sperando che quel che vi ho mostrato, sia stato di vostro gradimento
vi saluto con simpatia ed affetto, 
Laura

Onde del mare e rosa in jeans - Borsina estiva e...

giovedì 22 giugno 2017


Ciao a tutti!

avevo un po'  di rafia in varie tinte ma in quantità non sufficienti per una borsa di un colore unico......ed è  stato poi così, che avvicinando, questi tre filati in rafia, ho pensato subito al mare........non manca nulla, l'azzurro/verde ed il blu delle onde, senza dimenticare la schiuma bianca che s'infrange sugli scogli. Son partita in quarta lavorando come mi veniva, momento dopo momento, improvvisando....mi piacciono molto questi colori! l'ho poi foderata all'interno ed ho aggiunto il mio solito portafoglio/portadocumenti  antiscippo in pelle e rafia...(i miei ritagli in pelle tornano sempre utili) poi però, pensavo mancasse ancora qualcosa...ho cucito questa rosa in jeans e l'ho aggiunta anch'essa e per la verità non mi dispiace! Voi direte che ci fa una rosa sulle onde del mare?...io vi dico che i fiori li metterei dappertutto, può andare? Si accettano consigli!





nel mio cestino pieno di coniglietti, sono arrivati anche orsetti e gattini..... i sonnellini di Emma mi 
consentono di sferruzzare parecchio
gli schemi li ho acquistati  da: littlecottonrabbits





e...per rimanere in tema con i miei coniglietti di lana,  vi mostro (vivo e vegeto) un simpatico abitante, del giardino del condominio di mia figlia....fa parte di un'allegra famigliola di coniglietti, è troppo tenero e così piccino....

Ora per rinfrescarci un po' ecco una poesia sul gelataio d'una volta...

questa poesia mi piace molto.....fa parte di una raccolta di poesie scritte da mio marito e riguardanti i tempi andati.......è in dialetto milanese/lombardo,  le A sono molto aperte     (tipiche del luogo dove abito) e spesso sostituiscono le .....questa è la solita premessa per aiutarvi nella comprensione, anche se ovviamente c'è sempre la solita traduzione in italiano.



I mestè che g'hen pü

“Al gelatè da strada”

Una vûss la basura,
la sa sentiva in luntanansa,
i fieu i’a faseva salta in pè:
“gelati ..gelati, gh’è chi al gelatè
cul triciclo pien da giass
tûtt disegnà e culurà,
al plam d’la saliva in buca,
al ta faseva arivà.

Sul da sûra dal caretin,
gh’eran tücc i parigin,
da diversi misur e da tanti spees, mi,
m’acuntentavi da quäla da des,
des franch sa capiss, quäl da carta,
tûtt strufignà e,
cun sacrifisi risparmià.

Al g’aveva anca
i biscott cun dentar al gelato,
ma par nüm, tropp car e prelibato.
Ciculatt, crema, vaniglia,
tücc güst da meraviglia,
al vendeva anca i ghiaccioli,
gh’eran russ, giald, verd
e qualche volta anca bianc,
par mi i püsè bon
cun al güst da limon.

Tücc inturna, i fiuletin
atacà al caretin,
e chi al g’aveva no al des gäj,
al ga diseva a quäl visin
cun vuss scunsulada:
“fam dà anca mì una lecada”

Oh! che bäj chi basur lì,
quand ta sentivat in luntanansa,
c’la vuss lì in risunansa,
ta smetevat da curas a drè:
“gh’è rivà al “gelatè”


Giancarlo Tarantola
                                             
          Un saluto caro,


                                                             
I mestieri che non ci sono più
“Il gelataio di strada”

Una voce il pomeriggio,
si sentiva in lontananza,
i ragazzini si alzavano di scatto:
“gelati...gelati, c’è qui il gelataio”.
con il triciclo pieno di ghiaccio
tutto disegnato e colorato,
l’acquolina in bocca
ti faceva venire.

Sopra il carrettino,
c’erano tutti i coni,
di diverse misure e di vari prezzi, io,
mi accontentavo di quello da 10,
il famoso 10 lire di carta,
tutto stropicciato e ,
con sacrifici risparmiato.

Aveva anche
i biscotti con dentro il gelato,
ma per noi, troppo caro e prelibato.
Cioccolato, crema, vaniglia,
tutti gusti da meraviglia,
vendeva anche i ghiaccioli,
eran rossi, gialli, verdi
e qualche volta anche bianchi,
per me i più buoni
con il gusto di limone.

Tutti intorno i bambini
attaccati al carrettino,
e chi non aveva le 10 lire,
diceva a quello vicino
con voce sconsolata:
“fammi dare una leccata”

Oh! che belli quei pomeriggi,
quando sentivi in lontananza,
quella voce in risonanza,
si smetteva di rincorrersi:
“è arrivato il gelataio”.




nonna Laura