Benvenuti nel mio minimondo creativo...qui potrete vedere le foto di ciò che amo fare nel tempo libero, mi piace creare bijoux, ricamare, dipingere su ceramica/porcellana e altro..... qui troverete, come dico appunto nell'intestazione del mio blog, di tutto un ...po'

Ultime cannucce....versatili!

mercoledì 25 febbraio 2015

Eccomi con un post un po' striminzito, devo dire che sono ancora molto presa e lo sarò ancora per una settimana, poi, prometto di mostrarvi tutto ciò che ho realizzato durante questi ultimi mesi.
Scusate anche, perché in questi giorni, non riesco a passare da voi come vorrei, prometto che prossimamente recupererò....ora, giusto per non lasciarvi ancora una settimana senza  qualche mio lavoretto, vi mostro queste creazioni veloci, fatte con le ultime cannucce che erano lì pronte già da un po'....avevano tanta voglia di primavera! nastri, fiori e colori, sono quelli avanzati dal matrimonio di mia figlia, dove io son stata la "wedding planner" (de noantri) hi, hi, hi, e, dove il lilla la faceva da padrone in una giornata meravigliosa e indimenticabile.....io le trovo simpatiche e voi ?
cappellino 
tazzina con coperchio (troppooooo tenera)

cuore
e..... ghirlanda ancora da completare, sigh!
un abbraccio, a presto 
Laura

Ecco la mia orsetta e.....

sabato 14 febbraio 2015

Mi sono innamorata di questa orsetta appena l'ho vista dalla bravissima Lella, ho partecipato con passione al suo SAL seguendo le chiare spiegazioni e la ringrazio di cuore.... devo dire che mi piace molto anche questa fatta da me, non vedevo l'ora di finirla per darla alla mia piccola nipotina....... anche Emma ha subìto all'istante il suo fascino rivolgendo eloquenti sguardi già, mentre cucivo ed effettuavo l'assemblaggio ed io, ne sono molto felice.....

ecco finalmente la mia "piccola orsetta del cuore"  l'ho chiamata così perché è un'orsacchiotta dal cuore tenero....ci ho messo un po' a completarla perché ho voluto ben rifinirla nei minimi dettagli e spero piaccia anche a voi

con il suo bel completino così fashion, non è un amore?

sul cespuglio....
con un amico.....
spaparanzata sui prossimi fiori di muscari blu
in bella mostra ...

e qui per finire, con la piccola Emma letteralmente abbagliata dalla sua tenerezza


ora......visto che siamo nel periodo giusto, perché no, un'altra poesia stavolta sul Carnevale, sempre scritta da mio marito e, che ricorda un po' il tempo che fù...magari un tenero ricordo per quelli della mia età ma che forse può suscitare anche un po' di curiosità in chi, come tanti di voi è giovane, giovane 

Al carneval d'una veulta
(poesia in dialetto 
meneghino/lombardo)

Una festa pagana
cume diseva la mè mama
indue sa peu fa'
schers e dispresi tutt al di,
prima che vegna la quaresima
e i stupidad j'a fa' scumparì.

L’è la festa di travestiment,
che adäss l’è esagerà
par quant un custum al peuda custà,
una veulta i omm sa vestivan da donn,
i donn da omm, 
nient da sufisticà,
cun i bafi, 
cul carbon disegnà.

Gh'eran schers che adass gh'èn pü,
la pulvar da fa gratà
o da fa starnudì,
i fialett spusent
e i sigaret
che ta sciupavan tra i dent
e in di vedrin, inscì schifuss,
st..nz da plastica par i curiuss.

I carr da carneval,
tirà dal tratur,
cun davanti la banda
e i su sunadur,
cun tücc i fiurin mascherà, da tücc i culur,
ställ filant, trumbett, 
bumbett e gran rumur,
brancad da curiandul,
che a ogni maschera al ga tuca,
che a la fin ta gh’ieva parfin in buca.

Tanti volt i dispresi
eran.....e en,
un pu pesant
ma questa, l’è question da ignurant!

L’è una festa anca par i grand!
cun la scusa dal carnevall,
sa mangià, sa beva e sa scatenan in dal ball
e sa metan da drè,
tücc i penser brutt che ta gh'è.

Tarantola Giancarlo Luigi




sperando di non avervi annoiato,
chiudo augurando a tutti
" BUON SAN VALENTINO"
e che ci sia tanto amore tra tutti
voi!

Laura 
Il carnevale d'una volta



Una festa pagana
come diceva mia mamma
dove si possono fare,
scherzi e dispetti tutto il giorno,
prima che arrivi la quaresima
e le stupidate fa scomparire.

E’ la festa dei travestimenti,
che adesso è esagerata
per quanto un costume può costare,
una volta gli uomini si vestivano da donna,
le donne da uomini, niente di sofisticato,
con i baffi, con il carbone disegnati.

C’erano scherzi che adesso non ci sono più
la polvere per far grattare o starnutire,
le fialette puzzolenti e le sigarette
che ti scoppiavano fra i denti
e in vetrina così schifosi,
st..nzi di plastica per i curiosi.

I carri del carnevale trainati dai trattori,
con davanti la banda e i suoi suonatori,
con tutti i bambini mascherati, di tutti i colori
stelle filanti, trombette, bombette e grandi rumori,
manciate di coriandoli
che ad ogni maschera tocca
che alla fine finiscono anche in bocca.

Tante volte gli scherzi erano.......
e sono, un po pesanti
ma questa, è questione di ignoranti!

E’ una festa anche per i grandi!
con la scusa del carnevale,
si mangia, si beve e si scatenano nel ballo
e si dimenticano,
tutti i pensieri brutti che si hanno









Tra un lavoro e l'altro......e poesia!

domenica 1 febbraio 2015

Già, tra un lavoro e l'altro (per il momento ancora top secret) mi son messa a fare piccole sfere.... mi piacciono tanto sferette, palline e simili, mi rilassano e m'ispirano parecchio .... questa è una sferetta semplice e facile, ho preso spunto dalla brava marghe75, ho cambiato qualcosa, ho composto ed assemblato come mi è venuto in mente al momento e ne è venuto fuori un bracciale che mi piace molto ma, siccome piace anche a mia figlia e siccome, i figli son piezz'e core (mi scuso se non scritto perfetto) lo do' ben volentieri a lei....anzi mi ha anche suggerito l'idea per degli orecchini, questo è quello che ne è uscito...... a me sembra una graziosa parure, che ne dite?




Ora per finire.... una delle tante poesie dedicate alla nostra amata cagnolina Marilyn, scritta da mio marito nella primavera del 2008

Passeggiata con Mariliyn


Abbiamo finito il pranzo
è una tradizione,
m’aspetta con fervore
per la passeggiatina,
la mia Merilina.

Il parco è deserto,
in uno spazio aperto,
giochi per bambini, soli,
aspettano l’allegria
che solo loro possono dare
come bagnanti in riva al mare.

Un venticello freddo
spazza le nubi e
il sole fa capolino
timido come un bambino.

Il prato soffice tappeto,
disegnato di punti bianchi e viola.
Si sta risvegliando la natura,
camminiamo insieme
finché il sole dura.

Innanzi lei, dietro io
una coppia affiatata
che passeggia in mezzo alla giornata.

Mi fermo e lei mi aspetta,
mi guarda con gli occhi pieni
come per dire: “non vieni?”

Sono distratto,
da ciò che vedo e sento
tutto era fermo
e adesso è in movimento,
si risvegliano le piante, i fiori e
le piccole gallinelle
che attraversano il fosso
a più non posso.

Questa, non è una semplice passeggiata
ma è una poesia
che finiamo assieme
in fondo alla via.

marzo  2008 Giancarlo Tarantola







Marilyn sempre davanti


Marilyn in mezzo a viole e margherite

vi auguro Buona domenica e buon inizio settimana!
vi voglio bene,
 Laura